L'Expo di Pistoia del 1899

La monumentale porta d'ingresso al giardino di Piazza Mazzini

 

Promuovere la città e i suoi prodotti attraverso la meraviglia e lo stupore del pubblico, questo il fine dell’ambiziosa impresa, nella quale Pistoia avrebbe impegnato le proprie forze migliori sul finire dell’Ottocento: l’Esposizione circondariale per l’industria, la floricoltura e l’orticoltura del 1899.

Un inesorabile processo di rinnovamento degli equilibri economici e produttivi si era, infatti, messo in moto in quegli anni e la nuova classe imprenditoriale, foriera di continue iniziative e proposte, era al contempo mossa sia dal desiderio di affermare se stessa, quanto dalla volontà di far uscire Pistoia dal proprio immobilismo economico e culturale.

Perciò, esattamente come per le molte altre mostre universali, che cominciarono a fiorire nell'Ottocento, anche l'Esposizione circondariale pistoiese nacque accompagnata sia da uno scopo smaccatamente promozionale e propagandistico, di natura squisitamente commerciale, che da un preciso intento pedagogico, quello di addestrare e formare una manodopera qualificata e istruita all'esercizio del bello.

Fu così che, anche a Pistoia, alla sezione dei prodotti industriali e florovivaistici vennero affiancate la Mostra di Arte Antica, la Mostra di Arte Moderna e la Mostra dei Ricordi Storici dell'Indipendenza Italiana, che celebrava il ruolo svolto dalla città nelle lotte risorgimentali. Piante, fiori, manifatture, opere d’arte, stampe fotografiche e cimeli risorgimentali riempirono quindi, per l'evento, gli stand espositivi posti in piazza Mazzini e negli edifici circostanti – come la chiesa di San Francesco e l’ex convento da Sala –, rendendo di fatto l’Esposizione un piccolo ma perfetto esempio delle Expo realizzate in quello stesso secolo sia in Italia che nel resto del mondo.

 Visita la mostra virtuale

La febbre dell'Expo