Il babbo disperso in Russia

Copertina libro Il babbo disperso in Russia

 

Presentazione del libro di Giorgio Lavorini e Riccardo Maffei  "Il babbo disperso in Russia 21 agosto 1942", Buggiano, Edizioni Vannini, 2014

Martedì 16 dicembre 2014 - ore 17, Sala Gatteschi

Interviene: Giorgio Petracchi

Saranno presenti gli autori

Il volume ricostruisce – sulla scorta di documentazione inedita – la tragica vicenda di un sottufficiale valdinievolino, il sergente Armando Lavorini, nel corso della campagna di Russia al seguito della divisione Sforzesca. Egli non poté tornare a casa; la sua vita si arrestò a Simovskij nell'agosto 1942 travolta e strappata dall'offensiva sovietica.
Lo storico americano Brian Sullivan ha così commentato dopo la lettura:«Coloro che dicono che “Mussolini non ha mai ucciso nessuno” dovrebbero leggere questo libro. Il Duce certamente uccise il sergente Lavorini nel vero senso della parola e centinaia di migliaia di italiani. Al pari di Armando Lavorini, così tanti giacciono in fosse comuni non segnate, in Etiopia, Libia, Albania, Ucraina, Croazia e sulle rive del Mediterraneo».

Giorgio Lavorini è nato a Massa e Cozzile nel 1941. Ha vissuto l'infanzia e l'adolescenza a Montecatini Alto. Diplomato ragioniere e perito commerciale nel 1961, ha svolto la sua attività lavorativa presso la Cassa di risparmi e depositi di Prato. È in pensione dal 2000 e si occupa di volontariato nelle Associazioni combattentistiche e d'arma e nella Protezione civile. Dal 1969 è residente nel comune di Vaiano, in provincia di Prato.

Riccardo Maffei è nato a Livorno nel 1970. Storico, è autore di monografie e articoli pubblicati su riviste nazionali e locali (Storialocale, QF), in gran parte di argomento contemporaneo, incentrati su vicende e personaggi del 19. e del 20. secolo. Già collaboratore della Domus Mazziniana e dell'Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea in provincia di Lucca, attualmente è membro della sezione Montecarlo-Pescia-Valdinievole dell'Istituto storico lucchese. Tra i suoi lavori si ricordano De profundis. L'esclusione di Ferdinando Martini dal Parlamento nel 1919, Fatti di guerra. Testimonianze. Il 5 settembre 1944 a Malocchio di Buggiano (2008), Le vittime dimenticate. La repressione del movimento fascista repubblicano a Pescia nell'estate del 1944, Pescia. Un'area di confine tra Valdinievole e Lucchesia nel primo dopoguerra (1919-1927) (2009), Buggiano dopo l'unità. Feste e mercati in un centro della Valdinievole, Stragi. 26 luglio 1944 Collodi, 19 agosto 1944 San Quirico in Valleriana (2011).

 

Invito  ( PDF 142 Kb )