I Tesori

 

Nel colophon dell'edizione de Le cose volgari di Petrarca, Aldo Manuzio dichiara che fu tratta «con sommissima diligenza dallo scritto di mano medesima del Poeta, havuto da M. Pietro Bembo», volendo con ciò sottolineare l'autorevolezza della fonte manoscritta e il prestigio dello studioso che aveva collaborato alla cura del testo, aggiungendo per gli esemplari stampati in pergamena «dallui doue bisogno è stato, riueduto et racconosciuto».