Giovacchini Rosati Rinaldo

Rinaldo Rosati e “Biografia del Cav. Canonico Rinaldo Rosati" di Pietro Contrucci

 

Rinaldo Giovacchini Rosati nacque a Pistoia nel 1850, figlio di Luigi, professore di liceo. Intraprese la carriera militare fino a ricoprire il grado di colonnello. Fu tra i fondatori della Società pistoiese di Storia Patria e collaborò con il Bullettino storico pistoiese occupandosi prevalentemente di storia militare e araldica. Morì a Pistoia l'8 settembre 1944.

Il fondo fu donato nel 1944 alla Biblioteca Forteguerriana per disposizione testamentaria del colonnello Rinaldo Giovacchini Rosati  insieme alla biblioteca del canonico Rinaldo suo omonimo, da lui ereditata e ampliata. Il fondo comprende, oltre a memorie, appunti e scritti vari di membri della famiglia (in particolare di Anton Maria Rosati, giureconsulto vissuto nel XVIII secolo che insegnò per molti anni e fu anche bibliotecario della Sapienza), anche un buon numero di documenti diversi relativi alla storia religiosa, civile ed economica di Pistoia e del suo circondario. Esiste un inventario manoscritto senza indicazione del curatore né dell'anno di redazione che riporta il contenuto delle varie buste in maniera abbastanza puntuale ma fornisce scarsi dati relativi alla consistenza e alla datazione.
Il fondo contiene: Buste 1-6: Memorie storiche e artistiche di Anton Maria Rosati sulla città di Pistoia e dintorni; Notizie a vicariati e podesterie della montagna pistoiese e sulla storia religiosa di Pistoia (1739-1813) / Busta 7: Registro di nascite e morti del ceto nobile dal 1 gennaio 1807 / Buste 8-15: Miscellanea: Notizie sul viaggio compiuto dalla squadra navale russa nel 1819, memorie sull'ordine di Santo Stefano, note di diritto civile e canonico, appunti di teologia (1796-1819) / Busta 16 : Memorie storiche diverse (s.d) / Busta 17 : Carte familiari Giovacchini-Rosati: alberi genealogici, libri di ricordi, carte personali di vari esponenti della famiglia (s.d.) / Buste 18-20: Prose e poesie diverse, notizie sulla vita di poeti (s.d.) / Buste 21-23: Scritti vari di Anton Maria Rosati, Traduzioni dal greco (1781-1809) / Busta 24: Copialettere di Anton Maria Rosati (1809) / Busta 25: Lettere a monsignor Rinaldo Rosati (119 lettere, 1810-1842) / Busta 26: Corrispondenza miscellanea (1834-1834) / Buste 27-34: Appunti di diritto canonico e civile, compendi, cataloghi di libri (s.d.) / Busta 35: Carte di Giulio Giovacchini (1859) / Busta 36: Corrispondenza di Luigi Giovacchini (s.d.) / Buste 37-38: Miscellanea di memorie pistoiesi (s.d.) / Busta 39: Carte legali e amministrative della famiglia Giovacchini e di altri (s.d.) / Buste 40-48: Materiale miscellaneo: Lezioni universitarie, discorsi e orazioni funebri, memorie varie, disegni, album di famiglia, traduzioni (s.d.).

Fondo Giovacchini Rosati

Per approfondire:
Tre inventari sommari manoscritti, in ordine topografico, dei codici e del contenuto degli inserti, redatti da Eduardo Tarugi intorno al 1946
"Anton Maria Rosati erudito e bibliotecario" di Maurizio Vivarelli, Pistoia, Brigata del Leoncino, 2005
"I Rosati, i Giovacchini, i Giovacchini da Firenzuola Rosati. Cronaca pistoiese", tesi di laurea di Silvano Besso, 1986
"Biografia del cav. canonico Rinaldo Rosati" scritta dal p. Pietro Contrucci, Pistoia, Tipografia Cino, 1843

 

“Anton Maria Rosati. Erudito e bibliotecario” di M. VivarelliMemorie per servire alla storia de vescovi di Pistoia” del Dott Antonio M. RosaiMemorie  manoscritte di Antonio Maria Rosati per servire alla storia della città