Doni e scambi

Libro con fiore

Doni

I doni librari, testimonianza di attenzione ed affetto da parte della cittadinanza verso l'istituto pubblico, costituiscono storicamente un'importante fonte di accrescimento e di valorizzazione del patrimonio della biblioteca. Affinché i doni continuino a svolgere questa funzione non rivolta tanto al mero incremento del patrimonio, quanto al suo arricchimento qualitativo, la biblioteca Forteguerriana, come stabilito nella propria Carta dei servizi,  non accetta passivamente quanto i donatori propongono, ma regola il flusso delle donazioni in base alla pertinenza con gli interessi ed il profilo culturale della biblioteca. Sia per quanto concerne la donazione di singoli volumi che di veri e propri fondi, la Forteguerriana, tenendo conto dei propri spazi di stoccaggio e dei costi di gestione che l'ingresso di documenti in biblioteca comporta, accetta quanto risulti coerente con la natura delle raccolte e le finalità della biblioteca, quanto integri collezioni già esistenti, quanto contribuisca a documentare la storia, le tradizioni, l'identità della città di Pistoia. Per quanto riguarda le opere su Pistoia, individuando nella donazione da parte di privati e soprattutto da parte degli enti produttori di documenti il canale più importante di arricchimento della propria sezione di documentazione locale, la Forteguerriana sollecita le donazioni attraverso una rete di alleanze con coloro - cittadini ed enti - che a vario titolo sono coinvolti nella conservazione e valorizzazione della memoria storica locale.

Scambi

La Biblioteca Forteguerriana collabora con le biblioteche interessate destinando alla scambio opere contemporanee che possiede in varie copie e che non risultano quindi utili per il proprio patrimonio. Si tratta di una forma di collaborazione spesso non secondaria nell'incremento del potenziale informativo delle biblioteche, soprattutto nell'ambito della documentazione locale.

Donazione alla Biblioteca Forteguerriana (PDF, 303 Kb)