Documentazione locale

Il periodico pistoiese Il Pistoja

 

La raccolta di documentazione locale, frutto di un sistematico reperimento dei documenti di interesse locale in qualsiasi forma essi siano stati prodotti, è la testimonianza della funzione di riferimento che la biblioteca Forteguerriana si rende disponibile a svolgere su scala territoriale, anche potenziando i rapporti di collaborazione con tutti i soggetti cui si deve la produzione e la conservazione della memoria storica locale.
La centralità  che la documentazione sulla città  e sul suo territorio assume per la biblioteca è resa più palese dalla definitiva sistemazione della raccolta nell'ultima sala ristrutturata, in ordine di tempo, della biblioteca, la Sala Cosimo Rossi Melocchi,  dove è  collocata la  parte consultabile a scaffale aperto, quella delle monografie.
La consultazione degli opuscoli, dei periodici pistoiesi e degli  archivi digitali dei periodici storici e della raccolta La scuola in mostra è invece mediata dagli operatori.
I  documenti sono relativi al territorio di Pistoia e ad aree limitrofe, come il Padule di Fucecchio o l'Appennino modenese e bolognese, ad esso legate dal punto di vista storico, geografico, economico, culturale.
I documenti sono reperibili nel catalogo  generale, nel quale confluiscono anche gli spogli dei periodici pistoiesi moderni.
Il materiale librario è collocato sugli scaffali secondo uno schema di classificazione alfanumerico che permette di ordinare le opere per aree geografiche e, all'interno di queste, per argomento; apposite targhette sui palchetti ed una tavola riassuntiva dello schema di collocazione usato posta nella sala aiutano l'utente nell'individuazione del soggetto che interessa.
La raccolta di documentazione locale, assolvendo al compito istituzionale di documentare per la propria comunità  la società  pistoiese nel tempo, assume carattere conservativo. Le opere in questa contenute sono quindi escluse dal prestito; per la maggior parte di esse esistono comunque altri esemplari che, quando le norme generali sulla circolazione dei documenti lo permettono, sono ammessi al prestito.
La Sezione di documentazione locale, pur costituendo un raccolta ampiamente rappresentativa della memoria storica del territorio, non comprende, per motivi legati alla tipologia dei documenti e al rispetto della stratificazione delle raccolte nella biblioteca, tutto il materiale di interesse locale posseduto. Oltre ad altri esemplari di opere presenti nella sezione, sono disponibili e reperibili attraverso il catalogo informatizzato o (per i manoscritti) appositi inventari:
- documenti appartenenti a fondi manoscritti o fondi nella loro interezza, come quello Chiappelli, fondamentale per la ricostruzione della storia di Pistoia dal XV al XIX secolo
- tesi di laurea di argomento locale
- cartoline del Fondo Macciò, importante apparato iconografico della città  e del suo territorio
- volumi e opuscoli che, per appartenenza a fondi o per altri motivi di opportunità , non sono stati collocati nella sezione.

Per approfondire:
"Qui si parla di noi: la documentazione locale tra identità  e globalità : atti del Seminario di studi, Pistoia, Biblioteca Forteguerriana, 2 dicembre 2009", Firenze, Polistampa, 2013
"Senso e significato della storia locale nell'epoca della globalizzazione: atti del Convegno di studi, Pistoia, 26 ottobre 2012", Pistoia, Gli ori, 2013
"Che cos'è Montecatini? Una comunità  locale nel centenario del Comune (1905-2005)" di Giovanni Cella, Firenze, Edifir, 2006
"Pescia e la Valdinievole: la costruzione di una identità  territoriale" a cura di Anna Maria Pult Quaglia, Firenze, Polistampa, 2006
"Pistoia allo specchio: eventi, realtà  e personaggi di storia locale" di Alberto Cipriani, Pistoia, Maschietto e Musolino, 2001