Da guardare

 

La mostra Il Risorgimento di carta: tesori della Tipografia Elvetica di Capolago, curata da Giampaolo Perugi, espone una significativa ed interessante selezione di libri editi dalla storica Tipografia Elvetica di Capolago, l’editrice che pubblicava le opere di patrioti ed esuli del Risorgimento, da Gioberti a Guerrazzi, da Tommaseo a Sismondi, da Balbo a d’Azeglio.

Tre sono le sezioni:  La battaglia politica dove si espone, ad esempio, Le mie prigioni: memorie di Silvio Pellico da Saluzzo, Lugano, Giuseppe Ruggia e C., 1833 e le Memorie della vita e degli scritti di Giuseppe Montani, Capolago, Tipografia e Libreria Elvetica, 1843, Le “altre” pubblicazioni: letteratura, storia, filosofia, educazione nella quale sarà possibile ammirare, ad esempio, i tre volumi  I promessi sposi: storia milanese del secolo XVII scoperta e rifatta da Alessandro Manzoni, Lugano, presso Francesco Veladini e comp., 1829, ed infine Sulla Tipografia Elvetica, dove tra i vari tra i testi è esposto La Tipografia Elvetica di Capolago: uomini vicende tempi di Rinaldo Caddeo, Milano, Casa editrice Alpes e Archeotipografia di Milano, 1931.

L’intera raccolta della Tipografia Elvetica (conservata presso la Biblioteca Forteguerriana)  è parte integrante di un cospicuo  patrimonio librario di 80.000 volumi formato, oltre che da libri di interesse generale, da fondi d'autore, fondi storici e libri antichi, dall'importante valore documentario ed economico, donato da Annapaola Campori Mettel, cittadina svizzera alle biblioteche San Giorgio e Forteguerriana.

La mostra, visitabile in Sala Gatteschi dal 4 luglio al 31 agosto 2017 nell’orario di apertura della biblioteca,  vuole essere un omaggio alla generosità di Annapaola Campori Mettel ed a tutti coloro che, studiosi o semplici cittadini curiosi, vorranno approfondire o avvicinarsi alla storia di una delle più importanti tipografie risorgimentali.

 

Visita la mostra virtuale