Consultazione

Che cosa e come?

Per la ricerca dei materiali, è possibile consultare il catalogo on line della biblioteca, anche richiedendo l’assistenza degli operatori disponibili presso il banco d’accoglienza.

Il servizio di consultazione è aperto a tutti.

La biblioteca orienta i propri utenti all’uso delle opere richieste nelle edizioni ad essi più consone, riservando le edizioni antiche all’uso degli studiosi che ne abbiano effettiva necessità di consultazione ed avviando tutti gli altri utenti, ed in particolare i minori, all’uso di edizioni moderne. Tuttavia, nel caso eccezionale in cui un minore abbia necessità di consultare materiale antico e raro, è richiesto ad un genitore o all’insegnante di riferimento di firmare una malleveria con la quale si assume la responsabilità dell’uso corretto dei materiali stessi.

E’ permessa la consultazione di libri propri nelle sale della biblioteca.

E’ possibile leggere e consultare liberamente e senza alcuna limitazione quantitativa: i libri sulla storia di Pistoia e del suo territorio esposti a scaffale aperto in Sala Cosimo Rossi Melocchi, la copia del giorno dei quotidiani a cui la biblioteca è abbonata, disponibile in Sala IV, e le opere di consultazione in Sala III.

Per consultare i restanti materiali, è necessario rivolgersi ad un operatore. Per quelli conservati nei magazzini della biblioteca il modulo di richiesta compilato va consegnato al banco d’accoglienza all’ingresso, dove avviene la distribuzione immediata dei materiali; l’ultima consegna viene fatta alle 13,15 nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì e alle 17,15 nei giorni di martedì e giovedì. E’ anche possibile depositare, presso il banco d’accoglienza all’ingresso, per utilizzarli in una consultazione successiva, i materiali richiesti dal magazzino per un massimo di 7 giorni. E’ consentito richiedere fino ad un massimo di 10 documenti per volta ed è necessario restituire le opere in consultazione prima di poter effettuare nuove richieste, qualora si sia raggiunto il numero massimo indicato sopra.
Anche per i numeri arretrati dei quotidiani e delle riviste, è necessario fare la richiesta presso il banco d’accoglienza; i quotidiani vengono consegnati in una quantità massima di tre mensilità al giorno.

La consultazione dei manoscritti e dei rari si svolge in Sala VII. Per usufruire di questo servizio, è necessario aver effettuato l’iscrizione alla biblioteca. E’ poi richiesta la compilazione di un registro delle presenze e di una scheda di richiesta per ogni documento desiderato. I materiali devono essere consultati nella sala stessa. E’ consentito richiedere fino ad un massimo di 5 documenti per volta ed è necessario restituire le opere in consultazione prima di poter effettuare nuove richieste, qualora si sia raggiunto il numero massimo indicato sopra. Al fine di tutelare il patrimonio, qualora la biblioteca disponga di una riproduzione, su qualsiasi supporto, del documento richiesto, questa deve essere consultata in sostituzione dell’originale, a meno che l’interessato non dimostri la reale necessità di servirsi dell’originale medesimo.
L’ultima consegna viene fatta alle 13,15 nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì e alle 17,15 nei giorni di martedì e giovedì. E’ possibile depositare i materiali ottenuti in consultazione presso la postazione dell’operatore in Sala VII, per utilizzarli in una consultazione successiva, per un massimo di 7 giorni.

I lettori sono tenuti a trattare con la massima cura tutti i materiali ricevuti in consultazione. Nel caso in cui danni o atti di negligenza rendano il documento inutilizzabile per la consultazione, l’utente è tenuto al riacquisto immediato. Per i documenti fuori commercio, l’utente deve rifondere il prezzo/valore di mercato del documento stesso. La biblioteca rimane proprietaria del documento danneggiato.