Chiappelli Luigi

Luigi Chiappelli

 

Luigi Chiappelli nacque a Pistoia il 2 settembre 1855, da Francesco, medico, e da Clementina Sozzifanti, di antica e nobile famiglia pistoiese. Fratello di Alessandro, filosofo e storico della letteratura e di Alberto, medico. Dopo aver compiuto gli studi superiori presso il liceo Forteguerri di Pistoia si iscrisse alla facoltà di Giurisprudenza di Pisa dove si laureò nel 1877 con una tesi su Cino da Pistoia. Questa, rielaborata e integrata, venne pubblicata quattro anni dopo con il titolo "Vita e opere giuridiche di Cino da Pistoia" e rappresentò uno degli studi più famosi del Chiappelli. Fu docente di Storia del diritto italiano presso l'Università di Pisa ed esercitò la professione di avvocato a Pistoia. Per molto tempo si dedicò allo studio del diritto romano nel Medioevo e con le sue ricerche apportò un notevole contributo al dibattito storico e filologico che in quegli anni vedeva coinvolti molti giuristi per ricostruire le origini del diritto italiano. Fin da subito, tuttavia, il forte legame con la città natale lo portò a interessarsi di storia locale e in quegli anni a Pistoia si cominciò a creare un ambiente culturalmente fecondo grazie al suo contributo e alla proficua collaborazione con studiosi quali Ludovico Zdekauer (storico del diritto boemo che egli stesso convinse a studiare la storia comunale di Pistoia e la cui figlia Maria sposò successivamente il figlio Francesco), Alfredo Chiti, Quinto Santoli e gli stessi fratelli Alessandro e Alberto. Con questi ultimi, nel 1898, fu tra i fondatori della Società pistoiese di storia patria della quale divenne presidente alla morte di Alberto, nel 1930. Nel 1901 divenne direttore del «Bullettino storico pistoiese», carica che mantenne fino alla morte, nel quale vennero pubblicati molti dei suoi lavori più significativi, come ad esempio le "Nuove ricerche su Cino da Pistoia" (1911), "La donna pistoiese nel tempo antico" (1914), un esame della condizione giuridica femminile a Pistoia dall'alto Medioevo al secolo XV, gli "Studi storici pistoiesi", e altri contributi relativi alla formazione del comune italiano nel Medioevo e più in generale alla storia civile e politica di Pistoia nel periodo medioevale. Pubblicò saggi anche sull'«Archivio storico italiano», di cui fu codirettore dal 1924 al 1926. Nel 1930, ancora vivente, donò alla Biblioteca Forteguerriana di Pistoia un gruppo di 163 pergamene provenienti dall'archivio dei conti Tolomei, dal 1116 al secolo XIX. Il Chiappelli ebbe un ruolo anche nella vita politica e civile della città. Di formazione culturale cattolica e per tradizioni familiari politicamente legato al Cattolicesimo liberale moderato, nel 1899 entrò nel Consiglio comunale di Pistoia e in seguito fece parte anche del Consiglio provinciale di Firenze. Fu inoltre membro del comitato diocesano e presidente del Circolo ricreativo cattolico nonché del Conservatorio degli orfani di Pistoia. Morì a Firenze il 17 giugno 1936.


Il fondo manoscritto si compone di 38 lettere (1882-1992). Probabilmente la documentazione è stata donata alla Biblioteca Forteguerriana di Pistoia alla morte del figlio Francesco, nel 1947, insieme alla biblioteca di famiglia, comprendente circa trentamila volumi di opere storiche, letterarie e di storia dell'arte. La corrispondenza è conservata in una scatola, insieme alla documentazione del figlio Francesco ed è stata suddivisa in ordine alfabetico in base al mittente, mentre all'interno dell'inserto è stata ordinata cronologicamente. E' stato redatto un elenco dattiloscritto dei corrispondenti in ordine alfabetico con indicazione del numero di pezzi pertinenti a ciascun corrispondente ma senza indicazione di data topica e cronica.

Corrispondenti di Luigi Chiappelli

Per approfondire:
Elenco dattiloscritto dei corrispondenti non posteriore al 1972
"Luigi Chiappelli: 1855-1936" di Quinto Santoli, Pistoia, Società pistoiese di storia patria, 1936
"Bibliografia degli scritti di Luigi Chiappelli" a cura di Quinto Santoli, in Bullettino storico pistoiese, n. 2 (1936)
"Saluto a Luigi Chiappelli da 35 anni direttore del Bullettino storico pistoiese" di Quinto Santoli, Pistoia, Società pistoiese di storia patria, 1935
"A proposito del Disegno della più antica storia di Pistoia di Luigi Chiappelli" di Ludwig von Zdekauer (carte sciolte)
"La Società pistoiese di storia patria nel primo trentennio, 1899-1928: relazione" del comm. avv. Chiappelli Luigi, Pistoia, Ditta Alberto Pacinotti, 1929
"Studi storici pistoiesi. Volume 1" di Luigi Chiappelli, Pistoia, Officina tipografica cooperativa, 1919
"La donna pistoiese del tempo antico" di Luigi Chiappelli, Pistoia, Officina tipografica Cooperativa, 1914
"Nuove ricerche su Cino da Pistoia : con testi inediti" di Luigi Chiappelli, Pistoia, Officina tipografica cooperativa, 1910-1911

 

Vedi anche
Chiappelli Alberto
Chiappelli Alessandro
Chiappelli Francesco

 

Nuove ricerche su Cino da Pistoia

La donna pistoiese del tempo antico

Luigi Chiappelli di Quinto Santoli