Cartoline

Immagine di Pistoia su una locomotiva a vapore

 

La più importante e consistente raccolta di cartoline è quella di Guido Macciò (1849-1931). Figlio di Didaco (uno dei più attivi patrioti pistoiesi), maestro di casa degli Ospedali riuniti ed appassionato studioso di arti e storia della sua città , lasciò in eredità  alla Forteguerriana un fondo di documenti a stampa e manoscritti e, insieme ad essi, una raccolta di circa 2000 cartoline illustrate dei primi anni del Novecento nelle quali sono riprodotti i monumenti, le strade, le piazze di Pistoia e del suo circondario. Raccolte in sei contenitori e catalogate all'inizio degli anni novanta, costituiscono un prezioso documento che rappresenta "Pistoia com'era".
Nel corso del 2013 sono state scansionate tutte le cartoline e ad ogni immagine è stata associata la descrizione. Le cartoline sono ricercabili attraverso il catalogo online della biblioteca.

Per approfondire:
"Pistoia in cartolina" di Giovanni Barbi, Pistoia, Sez. PCI Ospedale, 1978

Vedi anche
Fondo manoscritto Macciò Guido
Fondo a stampa Macciò Guido

 

Piazza Duomo in un giorno di mercatoQuattro immagini di Pistoia sulle ali di una farfallaVia Atto Vannucci con immagine femminile